Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen - Bei Libri

Le associazioni, in psicanalisi, vogliono sempre dire qualcosa. E  vorrà quindi dire qualcosa se, leggendo la parola “fiaba”, la mente corre immediatamente al capitoletto di un vecchio saggio di Umberto Galimberti, uscito nel 1992: “Idee: il catalogo è questo”, una rielaborazione di articoli apparsi sul Supplemento Domenicale de Il Sole 24 ore.

Alla voce Fiaba, appunto, Galimberti attacca la convinzione che le fiabe siano educative e denuncia “l’inganno della letteratura infantile che sembra inventata apposta per tenere il bambino più lontano dalla realtà della vita, quasi che non fosse stato generato per questa realtà ma per un’altra”. Non sempre, nella vita, il cacciatore arriva a liberarci dal ventre del lupo, non sempre per ogni bella addormentata o per una Cenerentola c’è un principe, e se “i sostenitori della fiabe ritengono positivo raccontare storie dove il protagonista trionfa perché la fragile personalità infantile trova una compensazione ai suoi stati depressivi e di paura”, beh, “una storia di sentimenti reali come capita a ognuno di noi, nei nostri giorni d’amore o di paura, potrebbe mettere subito i bambini in compagnia degli uomini, invece che delle streghe, delle fate, degli orchi”.




La domanda cruciale, prosegue il filosofo, è se queste favole le raccontiamo ai bambini o le raccontiamo a noi. Domanda niente affatto peregrina, se si pensa che i fratelli Grimm non erano certo scrittori di libri per bambini, ma studiosi di cultura popolare. Folcloristi che censivano storie raccontate da adulti ad altri adulti e trasmesse poi ai bambini che prestavano ascolto, forse un po’ spaventati, a quanto si narrava intorno al focolare. E sia, dunque.




Con buona pace di Galimberti, però, continueremo a leggere e a raccontare fiabe. Sia anche solo perchè “le storie ai bambini piacciono, dopodiché piacciono anche ai librai, agli editori e agli autori”. E continueremo, dunque, a trovare fra gli scaffali delle librerie veri e propri capolavori editoriali come questo libro da cui è nata la mia associazione con la tesi dello stesso Galimberti: Le Fiabe dei Fratelli Grimm curate da Noel Daniel ed edite da Taschen in onore del bicentenario della grande opera favolistica.

Il volume, un meraviglioso cartonato rivestito in tela con nastro segnalibro, ripropone ventisette fra le storie più amate come Cenerentola, Biancaneve, La Bella Addormentata, Hansel e Gretel, ma anche Raperenzolo, Pollicino e il Gatto con gli stivali. Se la traduzione, commissionata appositamente per l’edizione, risulta vivace e meticolosa, grande attenzione è stata dedicato all’apparato iconografico. Trattandosi di Taschen, poteva essere altrimenti? Certo che no, ed è per questo che il libro è fitto di prestigiose illustrazioni d’epoca, datate fra il 1820 e il 1950, firmate da veri e propri maestri: Kau Nielsen, Gustaf Tanggren, Walter Crane e soprattutto Arthur Rackam, quell’Arthur Rackam che firmò l’edizione del 1909 a penna e inchiostro indiano e che, col suo taglio espressivo, complesso ma al contempo rustico, riuscì a rappresentare la brutalità e la malvagità con sovrumano senso dell’innocenza, aprendo le fiabe dei Grimm al grande pubblico, fino a far esclamare a Wystan Hugh Auden: “L’importanza di queste fiabe è pari a quella della Bibbia”.

Ma la raccolta non si limita a un apparato illustrativo di carattere tradizionale: offre, infatti, anche silhouette storiche e contemporanee che danzano attraverso le pagine come un delicato pizzo nero cartaceo; un pizzo che tradisce un gusto eminentemente femminile. Rappresentazioni popolari realizzate con carta, forbici o taglierino, le silhouette erano una forma d’arte preclusa alle accademie d’arte. Ispirate dalle ombre cinesi e dalle lampade magiche, evocavano i giochi di luce del tramonto, quando una giornata terminava e una piccola comunità si radunava intorno al fuoco o nella stalla per cercare riparo dal freddo invernale e, nel frattempo, ascoltare una voce narrante catturare con un pretesto l’attenzione, entrare pian piano in un mondo altro e raccontare… Raccontare di quando “c’era una volta”.


Le fiabe dei fratelli Grimm. Ediz. illustrata
Curatore: D. Noel
Editore: Taschen
Anno edizione: 2017
Pagine: 320 p., ill. , Rilegato
EAN: 9783836536745


Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo:

  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]
  • La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    Crediamo sia già stata notata, da parte pochi lettori che ci seguono con fedeltà, la passione di questo blog verso mappe, atlanti e altre forme di rappresentazione dello spazio su carta. Anche oggi che scriveremo di un romanzo non abbiamo resistito alla tentazione di leggerlo come una mappa fitta di rimandi e richiami successivi. Una […]
  • Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Il passaggio dal Medioevo all’era Moderna ha diversi marcatori. Uno dei più celebri è quello della scoperta dell’America, nel 1492. Lì inizia per convenzione quella che siamo soliti chiamare Storia Moderna, quasi che il mondo, attraverso quel viaggio, abbia compiuto un vero e proprio salto quantico. Piace immaginare che questo salto, sperimentato fra i banchi […]
  • Deserti di George Steinmetz

    Deserti di George Steinmetz

    “Il terribile inganno che la natura ci tende è la sua qualità estetica: l’immensità di ciò che sfugge al nostro ordine di grandezza è il Bello, il Sublime che dà le vertigini ma non ci ama, non è fatto per noi. L’universo non protegge la nostra esistenza”. Le parole di Quirino Principe, tratte da , […]