Magnum Manifesto, a cura di Clément Chéroux - Bei Libri

Basterebbe il primo dei tue termini in cui si articola il titolo, “Magnum”, per capire che questo è uno dei più importanti volumi da collezione dati alle stampe nel 2017, e che destinare ad esso uno spazio consono nella propria libreria è del tutto doveroso. Poi, però, l’occhio cade su quel secondo sostantivo, “Manifesto”, che appare quantomeno curioso considerata la sua natura celebrativa e non programmatica, e le ragioni per acquistarlo si moltiplicano sull’onda di questo straordinario merito: spingere a interrogarsi sulla carica ideologica della fotografia come arte (e come strumento giornalistico) nell’era dei Social Network; un’era che rende al contempo tanto attuale quanto anacronistica, tanto essenziale quanto demodè Magnum Photos, la mitica agenzia fotografica di cui il volume racconta i primi settanta anni di vita.




Fondata nel 1947 da Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, David Seymour, George Rodger e William Vandivert, Magnum Photos ha prodotto alcuni fra i più importanti e drammatici reportage del novecento: in Vietnam, in India ai tempi della carestia, fra i minatori boliviani e fra i movimenti per i diritti civili, solo per portare alcuni esempi.

Curato da Clément Chéroux con la collaborazione di Clara Bouveresse, il libro (che assomma 416 pagine riccamente illustrate e che in Italia è edito dalla casa editrice Contrasto) attinge all’archivio di Magnum per sottolineare gli ideali di libertà, uguaglianza e universalismo che emersero dopo la Seconda guerra mondiale, ma anche la crescente frammentazione e disuguaglianza globale testimoniata dalle sottoculture, dalle minoranze e dagli esclusi. Sullo sfondo, le diverse forme espressive con cui i fotografi di Magnum hanno catturato i cambiamenti del mondo e dei pericoli che incombono su di esso. Pericoli che, oggi, chiamano direttamente in causa la fotografia: perché, al tempo dei social network, che ne è della fotografia come arte e vocazione, marginalizzata dalla produzione bulimica di immagini filtrate e catapultate sui social media per essere digerite da algoritmi che tutto possono fare, meno interrogarsi sul “senso” e sul destino dell’informazione?

Nel momento in cui la fotografia diventa lo strumento per eccellenza attraverso cui le persone comunicano fra di loro, l’immagine retrocede per effetto d’inflazione a vuoto gioco sensoriale, mera impronta sulla sabbia, oggetto di consumo virtuale da lasciarsi rapidamente alle spalle scorrendo una timeline. Abbiamo davvero necessità di questo genere di cultura visiva, precariamente controbilanciata dalla celebrità di alcuni scatti “spettacolari” come la ragazza afgana di McCurry? Oppure, ciò di cui abbiamo ancora drammaticamente bisogno, è di immagini che vengano assimilate con maggiore lentezza, di “archetipi” che penetrino in profondità nella psiche e che ci consentano di decriptare i codici di accesso della coscienza collettiva per educarne le emozioni e per introdurre nuove sfumature nello spettro della nostra vita interiore?

Non mancano interpreti capaci ancora di assumere sulle proprie spalle questa missione né tentativi in tale direzione. Quello che sta venendo meno è il tempo che la nostra attenzione, bombardata da ogni genere di fonte, può dedicare alla fotografia di qualità, la nostra abilità contemplativa e, con esse, la nostra attitudine a distinguere la fotografia fra passatempo di massa da un lato e progettualità, intenzionalità, dall’altro.




In un’intervista all’Ansa di tre anni fa, il fotoreporter Stephen Alvarez ha spiegato che “al National Geographic, dal pensare a pubblicare una storia a volte passano anche cinque anni”. Se è vero, come spiega ancora Alvarez, che molte persone oggi apprezzano di più le abilità di un fotografo professionista e vogliono carpirne i segreti del mestiere, è anche vero che questa sensibilità appare eminentemente rivolta al fatto tecnico.


JoachimAlvaatGandhi'sFuneral
Il funerale di Gandhi – foto di Henri Cartier-Bresson


Il rischio apocalittico che incombe sulla nostra cultura visiva è la ricerca di popolarità immediata, di auto-affermazione e di “potere” simboleggiata dalla diffusione dei Selfie, dove al centro non c’è il mondo in perenne equilibrio fra gioia e dolore. Ci siamo sempre e solo noi, intenti non a cercare con l’occhio quello che permetterebbe ad altri di perfezionare la propria visione del mondo, ma solo ciò che soddisferà il nostro bisogno di approvazione, la nostra intima necessità di “piacere” o di stupire secondo elementari leggi di marketing.




Ci siamo noi col nostro carico di narcisismo, in cui l’obiettivo cessa di essere un “Medium” fra il nostro occhio e la realtà per divenire uno strumento di amplificazione mostruosa dell’ego, contro cui sì, un Manifesto celebrativo non potrà molto, se non evocare una resistenza interiore. Il che, considerati i tempi, non sembra nemmeno poco.


Magnum manifesto. Ediz. illustrata
Curatore: C. Chéroux – C. Bouveresse
Editore: Contrasto
Anno edizione: 2017
Pagine: 416 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788869657269


G.M.B.

  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]
  • La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    Crediamo sia già stata notata, da parte pochi lettori che ci seguono con fedeltà, la passione di questo blog verso mappe, atlanti e altre forme di rappresentazione dello spazio su carta. Anche oggi che scriveremo di un romanzo non abbiamo resistito alla tentazione di leggerlo come una mappa fitta di rimandi e richiami successivi. Una […]
  • Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Il passaggio dal Medioevo all’era Moderna ha diversi marcatori. Uno dei più celebri è quello della scoperta dell’America, nel 1492. Lì inizia per convenzione quella che siamo soliti chiamare Storia Moderna, quasi che il mondo, attraverso quel viaggio, abbia compiuto un vero e proprio salto quantico. Piace immaginare che questo salto, sperimentato fra i banchi […]
  • Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le associazioni, in psicanalisi, vogliono sempre dire qualcosa. E  vorrà quindi dire qualcosa se, leggendo la parola “fiaba”, la mente corre immediatamente al capitoletto di un vecchio saggio di Umberto Galimberti, uscito nel 1992: , una rielaborazione di articoli apparsi sul Supplemento Domenicale de Il Sole 24 ore. Alla voce Fiaba, appunto, Galimberti attacca la […]