Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle - Bei Libri

Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto in italiano, l’operazione non intende essere solo culturale, ma Politica nel senso alto del termine: se dopo la seconda guerra mondiale quella della tolleranza sembrava un problema destinato a ri-solversi in un’evoluzione dei costumi che appariva tutt’uno con l’emergente società del benessere, sono bastati pochi decenni per mettere in discussione molte delle conquiste che si davano per acquisite.

Prima di Kant la lezione di Bayle è già criticista, intenta a evidenziare i limiti della ragione e delle sue possibilità di condurci a una Verità. Quel che Bayle mette in mostra è, innanzitutto, la necessità del pluralismo: non esiste una società razionale, e quindi non violenta, che non sia al contempo plurale. Non esiste via all’uso della ragione che prescinda da un elevato grado di “biodiversità” culturale, politica e religiosa. La ragione non è una facoltà auto-referenziale, ma si esercita a partire dal numero due. Noi occidentali diamo questa lezione quasi per scontata, eppure il nostro modo di concepire il mondo non appare meno rigido e ingabbiato di quanto apparisse in passato.




E’ cambiato solo l’oggetto della teologia, che da Dio si è spostato prima sull’ideologia e oggi sulla società in se stessa. Nella sua ultima fatica, “L’innominabile attuale“, l’anima di Adelphi Roberto Calasso scrive: “Duemila anni dopo Cristo, il secolarismo avvolge il pianeta. Così non è perché abbia sconfitto le religioni, bensì perché, fra tutte le religioni, è la prima che non si volga a entità esterne ma a se stessa, in quanto visione giusta e ultima delle cose come sono e come devono essere. Se il secolo ventesimo è stato il secolo dell’auto-riflessione, questo carattere si manifesta anche nel fatto che la società prende se stessa come oggetto che ormai ingloba tutto, grazie a quell’arma invincibile che passa sotto il nome di tecnologia”.

Questo processo è lo stesso che aveva ossessionato negli ultimi anni di lavoro Pier Paolo Pasolini, fino a farlo prorompere in un urlo di dolore che oggi suona profetico: “Sono infiniti i dialetti, i gerghi, le pronunce,perché è infinita la forma della vita non bisogna tacerli, bisogna possederli: ma voi non li volete perché non volete la storia, superbi monopolisti della morte…”.

Ciò che gli islamici radicali vorrebbero fare sul piano religioso, cancellare ogni diversità, l’Occidente lo ha già fatto e lo sta facendo sul piano sociale, dietro la spinta della società dei consumi (o, debordiamente, dello spettacolo, o per dirla alla Bauman, liquida). Possiamo quindi sostenere di essere ritornati al di sotto della soglia indicata da Bayle? Si tratta di un’ipotesi molto affascinante, perché la tolleranza odierna non assomiglia a una celebrazione della diversità quanto a una commedia del superfluo, in cui tutto ciò che entra in scena si pretende svuotato di un senso estraneo alla vulgata occidentale, quella che si usa definire con molta approssimazione “pensiero unico”.




In questa visione il bene è tutto ciò che è funzionale alla crescita economica: attitudini e comportamenti individuali, scelte personali, eredità culturali di carattere tradizionale vengono vagliati alla luce dei servigi resi alla causa del Prodotto Interno Lordo. Che è una divinità molto esigente e poco incline a sopportare devianze. Più che praticare la tolleranza, salvaguardando attivamente ogni diversità, l’Occidente ha quindi assimilato a sé il diverso in nome dell’individualismo fino a cancellarne le specificità culturali, operazione che si svela piuttosto clamorosamente quando fallisce e quando particolari gruppi sociali, oggi per lo più stranieri, si mostrano riottosi all’idea di “integrazione”, a questa particolare forma di medicina applicata alla società e ai suoi conflitti latenti.

La lezione di Bayle è diversa. La parola tolleranza, in lui, appare addirittura riduttiva per il suo orizzonte filosofico, che non si limita a proporre la “soppportazione” di chi è in posizione di debolezza, numerica o politica, da parte di chi è in condizione di forza. Bayle fa di più. Celebra apertamente la diversità, con tutto ciò che essa comporta, chiamando il “sovrano”  (dunque il popolo, dunque noi, proiettando l’appello ai giorni nostri, quasi dovessimo scindere le nostre preferenze dall’esercizio della cittadinanza, la nostra libertà dalla nostra equità) : “Tutto ciò che potrebbe nascerne, anzi, sarebbe una onesta emulazione a chi più si segnalasse per pietà, per buoni costumi, per scienza; ciascuna si farebbe un punto di onore di dimostrare che è la più vicina a Dio, dando prova di un maggiore attaccamento alla pratica delle opere pie e dell’amore per la patria, a patto che il sovrano le protegga tutte ugualmente, tenendole in equilibrio con la sua equità. Ora, è evidente che una così bella emulazione sarebbe causa di un’infinità di beni, e per conseguenza la tolleranza appare, fra tutte le cose del mondo, la più adatta a riportarci all’età dell’oro, a creare un concerto e un’armonia di più voci e strumenti di diversi toni e note almeno altrettanto gradevole quanto l’uniformità di una voce sola”.


Commentario filosofico
Pierre Bayle
Curatore: S. Brogi
Editore: Einaudi
Collana: I millenni
Anno edizione: 2018
Pagine: 800 p.
EAN: 9788806237554



Ti è piaciuto questo articolo? Allora non perderti:

 

  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    Crediamo sia già stata notata, da parte pochi lettori che ci seguono con fedeltà, la passione di questo blog verso mappe, atlanti e altre forme di rappresentazione dello spazio su carta. Anche oggi che scriveremo di un romanzo non abbiamo resistito alla tentazione di leggerlo come una mappa fitta di rimandi e richiami successivi. Una […]
  • Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown

    Il passaggio dal Medioevo all’era Moderna ha diversi marcatori. Uno dei più celebri è quello della scoperta dell’America, nel 1492. Lì inizia per convenzione quella che siamo soliti chiamare Storia Moderna, quasi che il mondo, attraverso quel viaggio, abbia compiuto un vero e proprio salto quantico. Piace immaginare che questo salto, sperimentato fra i banchi […]
  • Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le associazioni, in psicanalisi, vogliono sempre dire qualcosa. E  vorrà quindi dire qualcosa se, leggendo la parola “fiaba”, la mente corre immediatamente al capitoletto di un vecchio saggio di Umberto Galimberti, uscito nel 1992: , una rielaborazione di articoli apparsi sul Supplemento Domenicale de Il Sole 24 ore. Alla voce Fiaba, appunto, Galimberti attacca la […]
  • Deserti di George Steinmetz

    Deserti di George Steinmetz

    “Il terribile inganno che la natura ci tende è la sua qualità estetica: l’immensità di ciò che sfugge al nostro ordine di grandezza è il Bello, il Sublime che dà le vertigini ma non ci ama, non è fatto per noi. L’universo non protegge la nostra esistenza”. Le parole di Quirino Principe, tratte da , […]