Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche di Kevin J. Brown - Bei Libri

Il passaggio dal Medioevo all’era Moderna ha diversi marcatori. Uno dei più celebri è quello della scoperta dell’America, nel 1492. Lì inizia per convenzione quella che siamo soliti chiamare Storia Moderna, quasi che il mondo, attraverso quel viaggio, abbia compiuto un vero e proprio salto quantico. Piace immaginare che questo salto, sperimentato fra i banchi di scuola in piena età adolescenziale, simboleggi il passaggio dello studente all’età adulta, anche se onestà vuole che si vedano le cose per ciò che sono. Ovvero diverse. La storia di quella che chiamiamo modernità inizia molto prima ed è una storia che subisce accelerazioni, interruzioni, soste e ripartenze. Che muove, addirittura, da epoca romana.




Come non giudicare eminentemente moderno, ad esempio, un documento come la Tabula Peutingeriana, di età imperiale, che offre una prima rappresentazione del mondo antico e che evidenzia con notevole rigore strade e vie di comunicazione dell’epoca? La Tabula, disegnata da Marco Vipsanio Agrippia, mostra chiaramente le vicende che favorirono l’espansione di Roma: la sinergia fra la vocazione mercantile e la capacità militare, una combinazione amplificata dalla costruzione di strade e ponti. Ora, la Tabula non è solo moderna in sé, per la visione che la ispira e che la rende simile a una carta che potrebbe disegnare un geografo contemporaneo, ma perché attraverso il gesto stesso della mappatura si annuncia l’uomo moderno, l’uomo che organizza lo spazio nel quale si muove per affrancarsi dal fato, dal caso, dall’imprevisto. L’uomo che si riconosce come entità razionale e che desidera agire ispirato e mosso dalla ragione: l’uomo che fa esperienza della propria, possibile, libertà.




E’ in questa chiave che vogliamo presentare “Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche” di Kevin J. Brown, un volume firmato National Geographic ed edito in Italia da White Star. In 207 pagine rilegate Brown esplora i cambiamenti nella percezione e raffigurazione del mondo nel corso dei secoli, attraverso culture fra loro molto diverse. Dalla cartografia giapponese del XVIII secolo alle mappe mercantili europee, dalle cartine usate per propaganda alle mappe di fantasia, veniamo guidati in un viaggio dove via via l’uniforme cede il passo alla pluralità, al molteplice e alla diversità. In una parola, all’immagine riflessa del Mondo, a una bellezza la cui persistenza, nel nostro immaginario, appare minacciata dal destino di conoscenza varia ed eventuale che incombe sulla geografia nel nostro ordinamento scolastico.

Viene allora da leggere come un monito profetico il paradosso di Jorge Luis Borges sulla Mappa dell’Impero in scala 1:1, contenuto nella Storia universale dell’infamia, apparsa per la prima volta nel lontano 1935: “… In quell’Impero, l’Arte della Cartografia giunse a una tal Perfezione che la Mappa di una sola Provincia occupava tutta una Città, e la mappa dell’impero tutta una Provincia. Col tempo, queste Mappe smisurate non bastarono più. I Collegi dei Cartografi fecero una Mappa dell’Impero che aveva l’Immensità dell’Impero e coincideva perfettamente con esso. Ma le Generazioni Seguenti, meno portate allo Studio della cartografia, pensarono che questa Mappa enorme era inutile e non senza Empietà la abbandonarono all’Inclemenze del Sole e degl’Inverni”.


Viaggio nel tempo. La storia del mondo attraverso le mappe antiche
Kevin J. Brown
Editore: White Star
Collana: Antiche civiltà
Anno edizione: 2017
Pagine: 207 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788854035843


Ti è piaciuto questo articolo? Allora ti consigliamo:

  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]
  • La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    La carpa del sogno. Edizione limitata di Giovanni Mariotti

    Crediamo sia già stata notata, da parte pochi lettori che ci seguono con fedeltà, la passione di questo blog verso mappe, atlanti e altre forme di rappresentazione dello spazio su carta. Anche oggi che scriveremo di un romanzo non abbiamo resistito alla tentazione di leggerlo come una mappa fitta di rimandi e richiami successivi. Una […]
  • Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le Fiabe dei Fratelli Grimm. Edizione Illustrata Taschen

    Le associazioni, in psicanalisi, vogliono sempre dire qualcosa. E  vorrà quindi dire qualcosa se, leggendo la parola “fiaba”, la mente corre immediatamente al capitoletto di un vecchio saggio di Umberto Galimberti, uscito nel 1992: , una rielaborazione di articoli apparsi sul Supplemento Domenicale de Il Sole 24 ore. Alla voce Fiaba, appunto, Galimberti attacca la […]
  • Deserti di George Steinmetz

    Deserti di George Steinmetz

    “Il terribile inganno che la natura ci tende è la sua qualità estetica: l’immensità di ciò che sfugge al nostro ordine di grandezza è il Bello, il Sublime che dà le vertigini ma non ci ama, non è fatto per noi. L’universo non protegge la nostra esistenza”. Le parole di Quirino Principe, tratte da , […]