Skira Archivi - Bei Libri

Skira

A poco meno di un mese dalle elezioni italiane, un libro dato alle stampe qualche anno fa torna di stretta attualità. Abbiamo verificato se nel frattempo il panorama editoriale italiano avesse prodotto qualcosa di meno datato, ma con esito negativo.

“L’Arte del Manifesto Politico 1914-1989. Ondate Rivoluzionarie”, curato da Jeffrey T. Schnapp ed edito da Skyra nel 2005, è ancora un capolavoro insuperato. Si tratta del catalogo di una mostra che si è svolta a Stanford fra il 14 settembre e il 31 dicembre 2005 – e a Miami Beach dal 24 febbraio al 25 giugno 2006 – incentrata sulla collezione di 200 manifesti politici di proprietà della Stanford University, datati fra la prima guerra mondiale e la caduta del muro di Berlino.




Il taglio del volume ha il merito di richiamarci alla realtà: i manifesti che tappezzano le nostre città in questi giorni, come quelli di cui rappresentano gli epigoni post-moderni, non si rivolgono a noi. O meglio, non si rivolgono a quella parte di noi, autocosciente, in cui tendiamo normalmente a identificarci. Piuttosto, i manifesti politici si rivolgono a noi come uomini-massa, come atomi di un magma collettivo, di un “attore politico” che non risponde agli imperativi della ragione ma a un ordine di natura simbolica; un ordine che abita il nostro subconscio e che, pur al variare dei contesti storici, culturali e artistici, risponde agli stessi stimoli.



Continua a leggere