Atlas Obscura. Guida alle meraviglie nascoste del mondo - Bei Libri

Globalizzazione: ciò che di più minaccioso mena questa parola, entrata nel linguaggio comune a cavallo del nuovo millennio, ha a che fare con la geografia. E’ infatti curioso che il declino di una materia così nobile, che pian piano sta uscendo di scena da qualsiasi scuola di ordine e grado per consegnarsi a una piccola nicchia di specialisti, coincida con l’avvento di un mondo sempre più interconnesso e interdipendente. Un mondo disincantato, dal perimetro sempre più ristretto, che pensiamo ormai di conoscere per presa diretta.

Sorta sotto l’egida di aziende come McDonald’s e Nike, la globalizzazione è diventata via via parte integrante della nostra vita: non solo il nostro modo di mangiare o di vestirsi è sempre più uniforme e omologato, ma anche il nostro modo di comunicare, di interagire, di lavorare e di viaggiare appaiono pressoché identici. Oggi viaggiamo, come mai prima. Il paradosso è che maggiore è la nostra capacità di spostarci, minori le ragioni che dovrebbero spingerci a farlo: la scoperta di un Altrove, di luoghi altri e distanti da noi, dalla nostra quotidianità, dal nostro “way of life”, appare una possibilità sempre più remota, a malapena utilizzata – con qualche imbarazzo – dalle agenzie di viaggio per spingerci a mettere il naso fuori di casa.




Dobbiamo ammetterlo: mai come oggi la Terra è stata così piatta, da Oriente a Occidente. Mai come oggi appare una vera impresa riuscire a cogliere il “genius loci” delle mete verso le quali ci indirizziamo, e per farlo dobbiamo spesso visitare musei (anche a cielo aperto, come i centri storici delle città) che certificano la morte e il superamento dei mondi precedenti, con le loro specificità e contraddizioni. Se esistesse una guida ai luoghi più bizzarri e misteriosi al mondo, se esistesse ancora un libro capace di convincerci che sotto la cenere cova ancora bellezza, magia e diversità, non c’è dubbio: avrebbe un successo planetario.

atlas obscura italiano

Come quello, per esempio, riscosso da Atlas Obscura, che di luoghi bizzarri e misteriosi ne mette in fila 600. Nato da un popolarissimo sito web, Atlas Obscura è un compendio di prodigi naturali e architettonici, un atlante di quei luoghi capaci ancora di suscitare quella peculiare emozione che gli anglofoni chiamano “wanderlust” e che non si può tradurre in italiano se non con “vivo desiderio, voglia irrefrenabile di viaggiare”. O, forse sarebbe meglio dire, di perdersi.




Al pari di un affascinante catalogo di luoghi letterari, Atlas Obscura rinverdisce la tradizione degli atlanti compendiando mete che richiedono spesso, da parte nostra, un pizzico di coraggio: che si abbandoni la strada maestra, recuperando al viaggio non solo la dimensione avventurosa, ma  anche allegorica. Il pozzo a gradini in India che ricorda un’opera di Escher, le grotte delle lucciole in Nuova Zelanda, il gigantesco baobab in Sudafrica che ospita al suo interno un bar, la “festa del salto del neonato” in Spagna, tutto quanto è inaspettato, misterioso e nascosto è stato accuratamente catalogato in un originale volume illustrato e rilegato, curato da Joshua Foer (noto al grande pubblico come inventore e praticante di tecniche mnemoniche), Dylan Thuras, Ella Morton.


Dettagli tratti dall’edizione originale inglese


Il libro, in Italia, è edito da Mondadori. Grazie alle sue descrizioni accurate e avvincenti, a centinaia di fotografie, a grafici e mappe di ogni regione del mondo, è un oggetto da sfogliare golosamente, anzi “da aprire dove capita e leggere”, come suggeriscono i suoi stessi autori. E per chi non ama spostarsi al di fuori dei confini nazionali, nessun problema: l’edizione contiene una sezione ampliata, quella dedicata alle destinazioni italiane.


Atlas Obscura. Guida alle meraviglie nascoste del mondo. Ediz. a colori
Joshua Foer, Dylan Thuras, Ella Morton
Editore: Mondadori
Collana: Arcobaleno
Pagine: 488 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788804678724


Ti è piaciuta questa recensione? Allora non perderti:

  • Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Se in questi anni il genere biografico è andato incontro a una notevole fioritura, fino a divenire una sorta di narrativa “no fiction”, l’autobiografia si è insabbiata nel mondo della cultura “pop” arrivando a coincidere con operazioni di marketing di dubbio valore. Va anche detto che la biografia, in genere, è preferibile all’autobiografia, perché ognuno […]
  • Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    “Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti; che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità”. Così recita la Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America del 1776. Ci permettiamo […]
  • 1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    “Il 1968 è entrato nella storia come l’anno del movimento sociale e politico, della contestazione planetaria nei confronti del modello di società esistente: operai, studenti e minoranze etniche chiedono riforme, giustizia, nonché il miglioramento delle condizioni di vita. Migliaia di cortei sfilano per le strade, invocando la fine della guerra in Vietnam. Dal Messico al […]
  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]