Blu. Storia di un colore di Michel Pastoureau - Bei Libri

Insieme agli indubbi benefici che porta con sé, la modernità ci chiede di pagare un prezzo che molti conoscono bene. Ci riferiamo ai disturbi legati allo stress e all’ansia, quando non al panico vero e proprio, disagi tipici di una società competitiva dove ci è richiesta rapidità di pensiero e d’esecuzione, i punti di riferimento famigliari e affettivi sono sempre più precari, la nostra identità e le nostre sicurezze appaiono sempre più “liquide”.

Per la maggior parte delle persone calma, serenità e pace sono miraggi per cui si è disposti a pagare caro: sedute psicoterapeutiche, corsi di yoga e meditazione, vacanze comprensive di percorsi benessere vanno per la maggiore, sul mercato dei servizi alla persona, dove vengono spesso promossi con eleganti grafiche in cui, a farla da padrone,è un colore: il blu.




E’ questa la prima chiave di lettura a cui abbiamo collegato la lezione di Michel Pastoreau, un intellettuale che si è inventato un mestiere davvero curioso, lo storico dei colori. Nel suo bestseller “Blu”, Pastoureau rileva come a differenza del passato in cui veniva associato a gusti barbari e mantenuto ai margini della gamma cromatica, questi sia oggi il colore preferito in tutta Europa. La notizia è che questo bel libro firmato “Ponte alle Grazie”, da tempo disponibile solo in un’algida versione privo di corredo visivo, è stata finalmente oggetto di una nuova edizione illustrata. Un gioiellino molto atteso dai lettori di Pastoureau, che offre un punto di vista insolito sulla storia europea.

E’ noto, a chi mastica un po’ di cromterapia, che il blu è il colore della calma e della serenità d’animo, in grado di pacificare il sistema nervoso, la pressione e il battito cardiaco. Un colore moderno, dunque, in linea col nostro stile di vita e coi bisogni più profondi di noi uomini d’oggi. Ora, che il nostro subconscio elabori strategie di resistenza agli urti cui siamo sottoposti orientandoci nella scelta dei colori, non sorprende né, crediamo, può dirsi una tesi lontana da quella dello stesso Pastoreau, e cioè che la storia del colore in generale – e dunque quella di ogni colore in particolare – è essenzialmente una storia sociale.

Muovendo dalla tintura tramite guado europeo e l’indaco americano, dalla pittura con il lapislazzuli e l’azzurrite, dalla veste della Vergine Maria e dalla nascita, nel 1709, del cosiddetto “Blu di Berlino” (il Blu di Prussia), grazie all’incontro tra un droghiere e uno speziale mariuolo, lo storico transalpino ci conduce nel cuore della Rivoluzione Francese, del Romanticismo – di cui la giubba del giovane Werther di Goethe è uno dei simboli più pregnanti – e, naturalmente, dentro il cuore della nostra epoca: del suo costume – a partire dai blu jeans – e della musica, col “blues” e il suo carico di inquietudine e magia.




Per capire la modernità e per scorgerne il cammino in controluce, è quindi sufficiente ripercorrere la semplice vicenda di un colore? Almeno in parte sì, a patto che si comprenda che la fortuna di un colore non è un fatto semplicemente estetico o psicologico, ma innanzitutto culturale. Se attraverso i colori possiamo comprendere le persone e i loro bisogni, a maggior ragione – aguzzando la vista – possiamo capire una società intera e le sue tendenze profonde.


Blu. Storia di un colore. Ediz. a colori
Michel Pastoureau
Traduttore: F. Ascari
Editore: Ponte alle Grazie
Anno edizione: 2018
Pagine: 214 p., ill. , Brossura
EAN: 9788868337988


Dello stesso autore:

  • Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Se in questi anni il genere biografico è andato incontro a una notevole fioritura, fino a divenire una sorta di narrativa “no fiction”, l’autobiografia si è insabbiata nel mondo della cultura “pop” arrivando a coincidere con operazioni di marketing di dubbio valore. Va anche detto che la biografia, in genere, è preferibile all’autobiografia, perché ognuno […]
  • Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    “Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti; che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità”. Così recita la Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America del 1776. Ci permettiamo […]
  • 1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    “Il 1968 è entrato nella storia come l’anno del movimento sociale e politico, della contestazione planetaria nei confronti del modello di società esistente: operai, studenti e minoranze etniche chiedono riforme, giustizia, nonché il miglioramento delle condizioni di vita. Migliaia di cortei sfilano per le strade, invocando la fine della guerra in Vietnam. Dal Messico al […]
  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]