William Blake. La Divina Commedia di Dante - Bei Libri

Di lui, William Wordsworth scrisse: “Non c’è dubbio che questo poveraccio fosse pazzo, ma c’è qualcosa nella sua pazzia che attira il mio interesse più dell’equilibrio di Lord Byron e Walter Scott”.

Sottovalutato in vita, destino che lo accomuna a molti altri geni, William Blake viene oggi considerato il più grande artista britannico. Non solo per l’ invenzione dell’incisione a rilievo, ma anche – anzi, soprattutto – per il carattere visionario della sua opera. Il cui atto conclusivo, va detto, non poteva trovar migliore sorte dell’illustrazione della Divina Commedia.

“Lo abbiamo trovato zoppo a letto – racconta Samuel Palmer nel 1824, pochi mesi dopo che Blake ricevette la commissione da parte di John Limmel – Non era inattivo, nonostante i sessantasette anni, ma lavorava sodo su di un letto coperto di libri, sedendo come uno dei patriarchi antichi o un Michelangelo morente”.

L’intento di dare forme e colori al poema dantesco lo terrà impegnato fino al giorno della morte, occorsa il 12 agosto 1827: questo rapporto fitto, intenso, intimo e totale con Dante produrrà 102 illustrazioni fra schizzi e acquarelli, lasciati in diversi stati di elaborazione. L’opera non fu mai pubblicata e le tavole furono poi disperse fra collezionisti privati e musei.




Solo una casa editrice, in Europa, poteva riuscire in un’impresa senza precedenti: raccoglierle e riprodurle a tutto folio (con 10 maxi-immagini pieghevoli) in un volume da collezione, con testi specialistici – tradotti in 5 lingue – a cura dello storico dell’arte Sebastian Schütze e della filologa Maria Antonietta Terzoli. Parliamo, ca va sans dire, di Taschen. La notizia è che quell’edizione, datata 2014, e naturalmente – anzi giustamente, verrebbe da dire – non economica, è stata affiancata ora da un esemplare più agile, posizionato nella collana “Clothbound” insieme alla monografia su Charlotte Salomon e ai “Ritratti di città”.

Debitore del simbolismo pre-raffaelita, precursore del gusto romantico e persino di quello surrealista, Blake è forse il più grande interprete di quello che Alberto Asor Rosa chiama il “visibile parlare” insito nella poesia di Dante:

Ogni qualvolta Dante descrive una situazione, il meccanismo si avvia e rapidamente prende forma. Bastano 2 o 3 versi perché si disegni un mondo dai confini tanto precisi quanto, alla fine, inattingibili

Al pari della Divina Commedia, la creatività di Blake spazia da scene di sofferenza a immagini di luce, da orribili trasfigurazioni umane fino alla perfezione della forma fisica, in un gioco caleidoscopico che non conosce sosta. “L’immaginazione – questo è Blake che parla – non è uno stato mentale: è l’esistenza umana stessa”. Il sospetto, tuttavia, è che il nostro vada ben oltre l’immaginazione, e questo sospetto è confermato dall’idea che, “se le porte della percezione fossero purificate, tutto apparirebbe come è: infinito”.

Non c’è dubbio, Blake traghetta l’immaginazione su un altro piano, a lui più congeniale: quello della visione. Blake non immaginava, vedeva. Cherubini, per lo più. Parliamo di quel genere di visioni che l’opinione comune appoggia sul sottile confine fra misticismo e follia, ma per cui Henry Bergson ha una definizione molto più calzante: quella di intuizione, di “visione dello spirito da parte dello spirito”, capace di trasportare la coscienza su un piano che, a poche ore dalla morte, fra i disegni della Divina Commedia, ispirerà a Blake queste parole, dedicate all’amatissima moglie Kate:

Resta ferma! Esattamente come sei ora. Farò il tuo ritratto, perché per me tu sei stata sempre come un angelo





William Blake. La Divina Commedia di Dante
Sebastian Schütze, M. Antonietta Terzoli
Editore: Taschen
Collana: Clothbound
Anno edizione: 2017
Pagine: 464 p., ill. , Rilegato
EAN: 9783836568647


  • Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Dalla mia vita. Poesia e verità di Goethe

    Se in questi anni il genere biografico è andato incontro a una notevole fioritura, fino a divenire una sorta di narrativa “no fiction”, l’autobiografia si è insabbiata nel mondo della cultura “pop” arrivando a coincidere con operazioni di marketing di dubbio valore. Va anche detto che la biografia, in genere, è preferibile all’autobiografia, perché ognuno […]
  • Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    Respirano i muri di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa

    “Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti; che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni Diritti inalienabili, che fra questi sono la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità”. Così recita la Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America del 1776. Ci permettiamo […]
  • 1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    1968. Un anno rivoluzionario in immagini di Carlo Batà e Gianni Morelli

    “Il 1968 è entrato nella storia come l’anno del movimento sociale e politico, della contestazione planetaria nei confronti del modello di società esistente: operai, studenti e minoranze etniche chiedono riforme, giustizia, nonché il miglioramento delle condizioni di vita. Migliaia di cortei sfilano per le strade, invocando la fine della guerra in Vietnam. Dal Messico al […]
  • Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    Museo di Pangea. Le civiltà immaginarie di Marco Barina

    In questa storia c’è qualcosa di arcano e di misterioso. Meglio, di arcaico. Qualcosa che sfugge. Qualcosa che proviene dalla notte dei tempi, che trascende l’immaginazione ma che, senza dubbio, è il motore ispiratore di questa mostra e del relativo catalogo. Forse lo coglie, echeggiando Heinrich  Heine, Franco Maria Ricci, che questa esposizione ha voluto […]
  • Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Il Fu Mattia Pascal edito da Enrico Damiani

    Mattia Pascal esiste davvero. Il suo vero nome è Ivano Stellati, alias Ivano Stellato, alias Roberto Regonini, alias Roberto Bollatti. Eccettera eccettera. La storia è rimbalzata su tutti i media nazionali in leggero ritardo sui 150 anni dalla nascita di Luigi Pirandello. Recco, Riviera ligure. Un piccolo incidente stradale fa emergere un fatto incredibile. Al […]
  • Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    Murals of Tibet. Ediz. limitata di Thomas Laird

    “Quando uno contempla, non si volge col pensiero indietro su sé stesso, ma possiede sé stesso e volge la sua attività all’oggetto, diventa anzi l’oggetto stesso, offrendo sé stesso, diciamo così, quale materiale, lasciandosi plasmare dall’oggetto contemplato”. Risalendo a queste parole di Plotino si acquista la giusta misura di questa impresa editoriale che è, al […]
  • Novecento di Carta

    Novecento di Carta

    Ci sono Umberto Boccioni, Amedeo Modigliani, Mario Sironi, Giorgio de Chirico e Giorgio Morandi. E Lucio Fontana, Renato Guttuso, Alberto Burri e Michelangelo Pistoletto. Sono solo alcuni dei 100 protagonisti di un’eccezionale mostra di capolavori della grafica italiana: stampe, disegni, incisioni, carte dipinte e anche libri d’artista. Teatro di questo evento, fruibile fino al 1° luglio 2018, […]
  • Africa di Sebastiao Salgado

    Africa di Sebastiao Salgado

    Tutto ebbe inizio durante alcuni viaggi per conto dell’Organizzazione Mondiale del Caffè, con la quale collaborava. Erano gli anni 70. Il 1973, per la precisione. Fu allora che Sebastiao Salgado ebbe la “vocazione” che di lì a poco lo avrebbe reso uno dei più grandi fotografi della nostra epoca: il bisogno di testimoniare, di portare […]
  • Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani. Edizione limitata

    “E’ un personaggio anomalo, una santa con la spada in mano, una poesia in azione, una creatura di straordinaria e totale maturità”. Una creatura di totale maturità. Con questa curiosa definizione Maria Luisa Spaziani – la musa di Eugenia Montale – ci ha consegnato la sua Giovanna d’Arco, un romanzo popolare in sei canti in […]
  • Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Commentario filosofico sulla tolleranza di Pierre Bayle

    Einaudi ha dato alle stampe il primo “Millennio” del 2018. Per la gioia dei collezionisti (e anche degli atei, notoriamente innamorati di questo autore), è uscito infatti il “Commentario filosofico sulla Tolleranza” di Pierre Bayle, a cura di Stefano Brogi, professore associato all’Università di Siena. Anche se mai, prima d’ora, il Commentario era stato tradotto […]